Descriviti coi libri – Book Tag #1

Girovagando sul web mi sono imbattuta in un bel po’ di Book Tag che man mano vorrei riproporvi. Credo sia un modo molto comodo per potervi parlare di più libri contemporaneamente, conoscerci meglio e perché no? Farci due risate!

Cominciamo:

1) Sei maschio o femmina?

C2_99

 

Per rispondere a questa domanda non posso che citare il libro della mia infanzia: Piccole Donne! Non credo ci sia bisogno di descriverne il motivo.

 

 

 

2) Descriviti.

download

Come già vi avevo accennato Elena McGill e suo marito Roger protagonisti di Il Parnaso Ambulante e La Libreria Stregata sono il mio esatto alterego letterario. Della prima ho sicuramente la voglia di rinnovarmi del secondo l’ambizione e l’amore spassionato per i libri…usati! Potrei dire di non  sapermi descrivere meglio di Christopher Morley!

 

 

3) Cosa provano le persone quando stanno con te?

download

Difficile rispondere a nome d’altri, la mia è più una speranza che un fatto, spero che le persone, in generale, ma più precisamente quelli che amo, si trovino con me come se fossero a casa loro, come Isabel in Le mie cene con Edward.

 

 

 

4) Descrivi la tua relazione precedente.

 

51sMWXyQDYL._SX339_BO1,204,203,200_

Prima della mia attuale relazione non ho avuto altre esperienze, la mia era una relazione con me stessa. Il libro adatto a descrivere questa mia condizione è Piccole donne crescono! Mi sono sempre rispecchiata in Jo March, impulsiva fin dall’infanzia, che ha dovuto imparare a modulare e modellare la propria indole prima di esser pronta per l’amore.

 

 

5) Descrivi la tua relazione attuale.

9788804636038_0_0_856_75

La mia relazione attuale dura da quasi 8 anni, e avvicinandosi il giorno del fatidico sì credo che il modo più adatto per descrivere la nostra relazione sia Luna di miele a Parigi.

 

 

 

6) Dove vorresti trovarti?

51oDkjaJ+RL._SX332_BO1,204,203,200_

Facile, Hogwarts!!! Perciò Harry Potter e la Pietra Filosofale. Attendo ancora con ansia la mia lettera, sono sicura che il Ministero provvederà presto a consegnarla; d’altra parte, se la burocrazia è lenta come in Italia, staranno ancora sistemando i danni della guerra!

 

7) Come ti senti nei riguardi dell’amore?

e-solo-una-storia-damore_8073_x1000

 

Credo di non aver capito bene la domanda, io la intendo così: in quale libro hai letto dell’amore esattamente come lo intendi tu? È solo una storia d’amore. L’amore, per come lo intendo io, è come un ballo di coppia fatto di passione, tecnica affinata negli anni e un pizzico di magia che non guasta mai per mantenere vivo il rapporto.

 

8) Come descriveresti la tua vita?

le-avventure-di-pinocchio-libro-89889

 

La mia vita è un casino! Non fraintendetemi, lo è nel più bello dei modi: sempre di corsa,  piena di impegni, di gente, di risate e di tante cose ancora da imparare esattamente come nel Le avventure di Pinocchio!

 

 

9) Cosa chiederesti se avessi a disposizione un solo desiderio?

51MBla3R3SL._SY264_BO1,204,203,200_QL40_

Facile: essere una strega! perciò dico Harry Potter e il prigioniero di Azkaban è il mio preferito di tutta la saga!

 

 

 

10) Di qualcosa di saggio.

51RJ-fLEulL._SX324_BO1,204,203,200_

 

“Vivi bene. Semplicemente, vivi.” lo dice Will in Io prima di te, è una frase sicuramente ad effetto che in quel particolare contesto e pronunciata da quel personaggio, la rendono ancora più efficace.

 

 

11) Una musica.

71uEPWu5SYL

 

Il suono del mondo a memoria è una graphic novel letta da poco e presto ci sarà la recensione: il libro ha una sua musica!

 

 

12) Chi o cosa temi? 

71wrbTmL4BL

 

Nonostante la mia età spesso mi ritrovo a pensare alla vecchiaia dei miei cari e a volte anche alla mia. Il mio timore più grande è che tutti si dimentichino di me e  mi abbandonino in una casa di cura  come Emilio in Rughe.

 

 

13) Un rimpianto.

51tobQ6iWjL._SY264_BO1,204,203,200_QL40_

 

Amo viaggiare anche se non ne ho avuto mai, economicamente parlando, la possibilità. Spero di rifarmi presto e godermi finalmente anche io, Il giro del mondo in 80 giorni – magari meno di corsa!

 

 

14) Un consiglio per chi è più giovane.

41qyHbuO4TL._SY264_BO1,204,203,200_QL40_

Più che consiglio, quella che offro ai più giovani, è un’arma di difesa: “I Diritti Imprescrittibili del Lettore”,scritti e spiegati da Daniel Pennac in Come un romanzo. Presto ci sarà la recensione.

 

 

15) Da evitare accuratamente!

51Bmt2t8UFL

Alcune di voi mi odieranno ma io dico Un incastro imperfetto. Un libro banale, diseducativo, una storia d’amore insulsa, insignificante e socialmente inaccettabile!

 

 

 

Ecco finito il Tag! Sentitevi tutti taggati vorrei conoscere le vostre risposte!

Alla prossima, Miriam

Rughe

71wrbTmL4BL

 

TITOLO: Rughe

AUTORE: Paco Roca

EDITORE: Tunué

ANNO: 2013

 

 

Rughe è un fumetto di Paco Roca, pubblicato ad aprile 2013, dalla casa editrice Tunué.

Rughe racconta la storia di Emilio, un anziano signore, scaricato da figlio e nuora in una casa di cura. Tra i vari incontri, i nuovi amici e i ricordi che sbiadiscono Paco Roca racconta, con originalità e delicatezza, la vecchiaia in tutte le sue sfaccettature.

Questa è la prima graphic novel che leggo! Per mera ignoranza, ho da sempre disprezzato la letteratura disegnata ricollegandola ai racconti supereroistici che non rientrano nel mio genere, ma ero completamente all’oscuro dell’esistenza di fumetti che raccontassero storie di vita vera o comunque molto vicine alla realtà.  Da un video di una booktuber italiana ,Valeria (Read Vlog Repeat), ho rivalutato il genere, e tanto mi ha incuriosito che ho deciso di leggere Rughe.

RUGHE

Essendo ancora poco pratica, devo confessare che ho dovuto leggerlo due volte: la prima per conoscere quanto prima il finale; la seconda per apprezzare al meglio i disegni e il loro modo di raccontare la storia. Per questo motivo, ho pensato fosse meglio valutare il fumetto separando il giudizio dato al racconto da quello dato ai disegni.

La storia di Emilio è commovente, colpisce, fa arrabbiare, lascia senza parole e con l’amaro in bocca. Non voglio svelarvi nulla ma credo di poter affermare, con assoluta sicurezza, che Paco Roca, con poco più di 90 pagine, abbia evidenziato tutti gli aspetti più o meno ammirevoli della vita e che in questo lungo viaggio è sempre meglio stare in compagnia.

Non voglio assolutamente innalzarmi a critica d’arte e giudicare l’opera di un grande illustratore, ma parlando da semplice lettrice vorrei mostrarvi il disegno che rende questa graphic novel non solo unica ma un piccolo gioiello.  Si è esattamente la copertina! Per i più intuitivi il senso sarà fin da subito chiaro, io invece ho dovuto leggere il fumetto prima di comprenderne il significato e una volta capito non sono riuscita a smettere di osservarla per l’intelligenza e la delicatezza con cui l’autore ha saputo rendere il tutto.

Assolutamente consigliato a tutti quelli, che come me, non si sono mai approcciati al mondo del fumetto, per tutti quelli che temono e/o vivono l’anzianità di qualcuno caro, per tutti coloro che guardano al futuro un po’ timorosi, siate pur certi che la vita riserva sempre belle sorprese.

Alla prossima, Miriam