Le nostre anime di notte

 

9788899253509_0_0_1587_75

Titolo: Le nostre anime di notte

Autore: Kent Haruf

Editore: NN Editore

Pagine: 171

Anno: 2016

Prezzo: 14,45 €

 

Eccomi, finalmente, con una nuova recensione.

Oggi vorrei parlarvi di un libro pubblicato nel 2016 dalla casa editrice NN: Le nostre anime di notte di Kent Haruf,  l’ultima opera di questo famoso scrittore americano morto nel 2014, il quale ha ricevuto molti riconoscimenti e  con Crepuscolo, secondo romanzo della Trilogia della Pianura, ha vinto il Colorado Book Award.

Le nostre anime di notte, definito romanzo breve, racconta la storia di Louis e Addie due vedovi, vicini di casa, che vivono nella cittadina di Holt, i cui abitanti, dediti ai pettegolezzi e alle apparenze, precludono a sé stessi e agli altri molta della felicità che la vita può offrire.

Quando ho cominciato a leggere questo libro sapevo molto di più di quanto avessi voluto. Tutti lo avevano già letto e recensito e quando uscì il film, il trailer mi inseguiva in ogni video youtube; perciò se anche voi rientrate nella categoria di persone che non lo hanno ancora letto e vorrebbero mantenersi almeno un minimo della piacevole scoperta, che porta con sé ogni lettura,  non dirò nient’altro sulla trama.

Due sono i temi che si rincorrono per tutto il libro, la vita e la morte. Si respirano da ogni pagina, dialogo, descrizione e  dalla stessa scrittura scarna e veloce di Haruf;  che possiamo interpretare,  secondo Fabio Cremonesi , traduttore dell’opera, come la concitazione dell’autore di voler terminare tutta la storia che aveva dentro prima della fine del suo tempo.

Non potevamo aspettarci se non questi due temi, vita e mor1 Giugnote, essendo protagonisti due signori avanti con gli anni che sentono la pressione della fine della prima e l’avvicinarsi inesorabile della seconda. Ma, per quanto possa sembrare strano, io continuo a ripensare al romanzo come ad un inno poetico alla vita con due sotto temi: l’urgenza e la felicità. Molti  di coloro che hanno letto il libro potranno obiettare la mia scelta sottolineando come siano pregnanti temi come la solitudine, il rimpianto, la voglia di rimediare ma, pensandoci, non conducono tutti alla volontà precisa di essere felici?

Urgenza. L’assenza del tempo fa sentire l’urgenza del dover fare, di dover rimediare, di dover parlare insomma di dover vivere. Un sotto tema, come lo definivo prima, che mi ha fatto molto riflettere su come tutti noi siamo collegati da quell’unica grande urgenza che muove le nostre vite: voglio essere felice!

Felicità. il nostro secondo sottotema, è da questo che inizia la storia, perché da qui Addie fa Louis quella strana richiesta di sera, è da qui che i due continuano ad incontrarsi nonostante le difficoltà è da qui che i due continuano a sperare  perché non è mai troppo tardi e perché  per quanto banale possa sembrare finché c’è ancora una notte da poter trascorrere insieme allora si può essere felici.

Le nostre anime di notte è un inno alla vita nell’oscurità che si avvicina.

FILM

Dopo aver letto il libro ho deciso di vedere il film su Netflix. Non ho mai recensito un film qui sul blog e ho pensato di dare vita ad una nuova serie: #book&film. Fatemi sapere che ne pensate e  se possa sembrarvi un’ idea carina.

Il film del 2017 diretto da Ritesh Batra ha come protagonisti Robert Redford e Jane Fonda. Non credo di essere la persona migliore per recensire un film per il semplice fatto che so essere estremamente puntigliosa e severa soprattutto quando questo si basa su un libro e, come in questo caso, che libro!

Metto le mani avanti, non è un brutto film; ma per i motivi sopracitati ci sono alcuni punti che mi sono poco chiari. So perfettamente che i tempi cinematografici, si distanziano da quelli dello scritto ma, parlando di un libro con meno di 200 pagine, si poteva sicuramente essere più precisi. Per spiegarmi meglio tratterò distintamente i due punti aspetti principali: la trama e la recitazione.

54309

La Trama. La trama si basa su un romanzo e quindi da questo deve partire si possono e a volte si devono cambiare delle cose ma, molto spesso, come in questo caso, si esagera.

La prima componente ad esser stata cambiata, con insuccesso, è la cronologia: alcune scene, che nel romanzo vengono descritte prima, nel film appaiono dopo e questo, a mio parere, ha creato confusione non soltanto sul piano temporale ma proprio nella caratterizzazione di alcuni personaggi che, ingiustificatamente, hanno avuto minor rilievo rispetto ad altri. Non vorrei  entrare troppo nello specifico per non rovinarvi nulla della lettura e della visione e perché vorrei che anche voi vi faceste un’idea personale, perciò tornate dopo aver letto il libro e soprattutto visto il film così potrete darmi anche i vostri pareri.

La seconda componente ad esser cambiata è l’importanza data a situazioni e personaggi: se  nel libro alcuni personaggi e alcuni aspetti sono stati ben descritti nel film, invece, sono stati lasciati intendere;  al contrario, alcuni aspetti che nel libro erano stati giusto spennellati o comunque non descritti nei minimi dettagli nel film sono stati spiegati in maniera fin troppo scrupolosa e nel modo sbagliato cercando un senso una scusante a quello che in realtà andava bene anche che non ne avesse.

La Recitazione. Con attori del calibro di Robert Redford e Jane Fonda non ci si poteva aspettare una recitazione migliore. Hanno colto l’essenza di Louis ed Addie, aggiungendo quel tocco personale che li ha resi ancor più speciali. Menzione speciale per Bonny del mio cuor!

La mia delusione più grande è stata la quasi totale assenza dell’angoscia silente di vivere una vita che va via, rimane, quindi, una storia d’amore tra due vedovi che per solitudine si sono cercati finendo di essere l’uno per l’altra più importanti di quello che si aspettavano.

Non ne consiglio la visione in prossimità della fine della lettura del libro ma li consiglio entrambi,  più il libro ovviamente, a tutti coloro che vogliono vivere la vita liberi, rimanendo ogni giorno sorpresi da essa .

Alla prossima, Miriam

Sono Tornata!

Sono tornata!

Dopo più di quattro mesi dal mio ultimo post, eccomi qui a riscrivere su questo blog! Credo che nessuno abbia sentito la mia mancanza, ma sentivo di dovervi delle spiegazioni.

La pausa che mi sono presa, ci tengo a dirlo, non è stata voluta ma necessaria. Sono cambiate così tante cose nella mia vita che, in questi ultimi mesi, riuscire a star dietro a tutto non solo stava diventando difficile ma quasi impossibile, un’ occasione più di stress che di piacere. Leggere, scrivere e condividere sono da sempre state le mie più grandi passioni ma la mancanza di tempo, di concentrazione e, si, di piacere mi hanno convinto a lasciare tutto per un po’ e dedicarmi alle attività che già assorbivano gran parte delle mie energie.

Ma quindi, cosa è successo?! Di tutto, letteralmente! Andiamo con ordine:

– Sono andata ad abitare da sola trasferendomi in un’altra città. Vivo nel Lazio, ma ad un’ora di distanza da casa dei miei genitori e, come ben sapete, se già è una fatica dover affrontare un trasloco, pensate a dover trasferire anche un negozio di libri! No, quello che avete pensato è troppo poco XD

– Ho cominciato a lavorare per altri, vi avevo già accennato che ho studiato per diventare Social Media Manager e che ho lavorato per alcune case editrici, ho da poco iniziato a farlo per altre attività tra cui un ristorante. Più in là vi dirò come si chiama se mai voleste provarlo!

– In ultimo ma non per importanza…. Mi sono sposata! Ebbene si ho fatto il grande passo e all’età di 24 anni ho deciso che era giunto il momento! Sarò controtendenza, folle, svampita e ingenua fate voi, e sicuramente è così, ma sono anche tanto innamorata e questo mi basta! In 8 anni insieme abbiamo imparato a conoscerci e riconoscerci ogni giorno; abbiamo costruito insieme un rapporto basato sul rispetto, la fiducia e il dialogo; abbiamo imparato che alle parole devono seguire gesti; che lo stesso senso dell’umorismo è il vero carburante di un rapporto; che bisogna prima star bene da soli per poter amare veramente un altro; che le cose si possono riparare e aggiustare e abbiamo imparato che il vero amore è quello che prima di tutto ti rende felice! Perciò si, a 24 anni, mi sono sposata!

Vi lascio, per ora, con queste tre novità. Nel prossimo futuro ci saranno altri cambiamenti e spero che ci sarete per condividerli con me!

A presto, Miriam

 

 

 

Il Suono del Mondo a Memoria

51k15xVDIvL._SY264_BO1,204,203,200_QL40_

TITOLO: Il suono del mondo a memoria

AUTORE: Giacomo Bevilacqua

EDITORE: Bao Publishing

PAGINE: 179

PREZZO: €17,85

 

Il suono del mondo a memoria di Giacomo Bevilacqua è una graphic novel pubblicata dalla BAO Publishing nel 2016 vincitrice, nell’ultima edizione del Lucca Comics and Games, del Premio Speciale Feltrinelli assegnato dalle Librerie.

Ho sentito parlare molto di questa graphic novel perciò quando ho saputo che l’autore sarebbe stato presente all’ARF! Festival non ho resistito al desiderio di comprarla e farmi fare una dedica personalizzata.

Di norma, quando mi consigliano i libri, tendo a prendere nota del titolo, lo inserisco nella mia wishlist di amazon e aspetto, e spero, che qualche buon amico decida di comprarmelo. Le mie economie, ma soprattutto il periodo storico in cui vivo – mancano sei mesi al mio matrimonio – non mi consentono di spendere e spandere, anche se lo vorrei, ma, come tutti i buoni propositi, vengono fatti per essere infranti ed è così che Il suono del mondo a memoria – con dedica personalizzata – è venuto a casa con me!

La storia racconta di Sam, un giovane fotografo, che si trasferisce a New York per superare una prova contro se stesso, contro le persone e quindi contro la città stessa. La città, come in quasi tutte le storie in essa ambientate, non fa da sfondo ma è parte 16 Il suono del mondo a memoriaintegrante della narrazione, non solo per i disegni che ne ritraggono scorci e vedute sorprendenti, ma perché risponde e provoca il protagonista che si ritroverà a sfidarsi con lei. Personalmente, proprio per il gran rumore che accompagna il nome di New York, l’ho sempre snobbata, in fin dei conti io vivo a Roma, Caput Mundi, la città più bella del mondo, Culla dell’occidente…Beh! Giacomo Bevilacqua è il primo che mi ha regalato un’altra prospettiva; sarà per la storia, per le casualità o più semplicemente per due, tre tavole che mi hanno lasciato letteralmente a bocca aperta; sta di fatto che ora non vedo l’ora di visitare i luoghi da lui disegnati!

Il suono del mondo a memoria è, di per sé,  una storia d’amore piuttosto semplice ma arricchita da alcuni cambi di scena con cui l’autore è riuscito a renderla interessante ed estremamente diversa da qualsiasi cosa avessi letto. Il disegno, i colori e il racconto mantengono un mood delicato e dolce ma anche ironico e sagace al tempo stesso, che coinvolgono il lettore fino all’ultima battuta.

Non voglio svelarvi altro perché, per le graphic novel molto più che per i libri, è facile cadere in spoiler e come sapete io ne sono fortemente allergica; spero di avervi incuriosito perché davvero merita la vostra attenzione.

La consiglio a tutti: a chi è innamorato e a chi lo è di New York, a quelli che hanno affrontato una sfida e a tutti quelli che la devono ancora affrontare,  a coloro che, cambiando prospettiva, si sono resi conto che non stavano ascoltando se stessi, ma si erano semplicemente convinti di conoscere il suono del mondo a memoria.

Alla prossima, Miriam

 

Sua Altezza!

Senza-titolo-4

Titolo: Sua Altezza!

Autore: Annie Vivanti

Editore: Ensemble

Pagine: 208

Prezzo: €9 Brossura (http://www.edizioniensemble.it/prodotto/sua-altezza/)  – €4,99 Ebook (http://www.wikibook.it/prodotto/sua-altezza/)

Sua Altezza! ,scritto da Annie Vivanti, è stato pubblicato per la prima volta dalla casa editrice Bemporad nel 1923, riproposto da Ensemble nel 2014, è curato da Marco Bisanti.

Il racconto narra la fantastica avventura di Roberto, detto Bobby, un bimbo di 7 anni e di sua sorella Tina, di poco più grande. La loro ennesima marachella li porterà a dover trascorrere, per punizione, un giorno a casa e, nelle noiose ore pomeridiane, ecco che il quadro del soggiorno sembra muoversi, attirandoli a sé. Bobby e Tina, memori delle parole della mamma “un’opera d’arte non va guardata così, superficialmente, dal di fuori. Bisogna penetrarla per trovare ed afferrare l’anima dell’artista!”, entrano nel quadro per andare a cercarla.

Penso sia molto più difficile parlare di un libro che si è amato piuttosto di uno che non si è apprezzato, perché si ha il timore di non dire mai abbastanza e allo stesso tempo di dire quel poco di più che toglie la curiosità a chi lo si consiglia.

Sua Altezza! nasce come racconto per bambini ma, come ormai avrete capito, sono del parere che i libri per i più piccoli siano adatti a tutti, indifferentemente dall’età. Questo tipo di romanzo, come Le avventure di Pinocchio, è allegoria della vita ed ogni incontro ne rappresenta un aspetto significativo.SUA ALTEZZA

Per parlare con ordine possiamo qui riassumere, in 4 parole, quelli che, per me, sono gli aspetti fondamentali del romanzo: parlar chiaro, solidarietà, false apparenze e perseveranza.

Spesso tra adulti si usa l’espressione parla chiaro che invece è molto meno usata nei confronti dei più piccoli, è evidente nella storia che spesso, il nostro parlare figurato, è frainteso dai bambini e non per i motivi che pensiamo noi. La ragione è molto semplice, non possiedono quelle costruzioni mentali, date dall’età e dall’educazione, che non sono altro che gabbie in cui ci vantiamo di essere rinchiusi. Parlar chiaro dovrebbe essere un modus operandi, la base di qualsiasi relazione affinché sia sana, vera e sincera.

Un secondo aspetto che mi ha toccato profondamente è la solidarietà.
Nel romanzo la incontriamo in varie forme, ma quella che più mi ha commosso si può riassumere in una frase: Sappi che le ore consegnate dalla giovinezza a chi è triste, sono benedette per entrambi: sono gemme che né per l’una né per l’altra si perdono mai più (cap. XXVIII pag.170).

False apparenze, credo che tutti voi che mi stiate leggendo abbiate avuto a che fare con la difficoltà di distinguere ciò che sembra giusto da ciò che effettivamente lo è. Penso sia un argomento molto difficile da spiegare ai più piccoli ma questo romanzo con la giusta dose di ironia, spensieratezza e un pizzico di inquietudine mostra i rovinosi modi in cui la vita di ognuno di noi può essere distrutta per non aver saputo riconoscere in tempo le false apparenze.

In ultimo la perseveranza, una parola o per meglio dire una parolaccia dei nostri giorni. La fatica del raggiungere gli obiettivi, lo sforzo, lo sconforto, la costanza sembrano essere caratteristiche della vita da cui i bambini debbano essere protetti, Sua Altezza! mostra invece che è la perseveranza, con tutto ciò che essa comporta, a salvarci e a salvare, e questa è una lezione che nessuno di noi dovrebbe  mai dimenticare.

Non voglio svelarvi nulla di più, ma spero di lasciarvi con la curiosità di prendere questo libro in mano perché non riuscirete a smettere di leggerlo.

Che dire è un romanzo super consigliato ai piccoli e ai grandi, agli intraprendenti, a coloro che non hanno ancora trovato il coraggio e a tutti quelli che possiedono l’anima dell’artista, impaziente di spiccare il volo!

Alla prossima lettura, Miriam

La sarta di Dachau

26 marzo Titolo: La Sarta di Dachau

Autore: Mary Chamberlain

Editore: Garzanti

Pagine: 318

Prezzo: € 16,90 Rilegato – € 7,99 Ebook

 

 

La sarta di Dachau, scritto da Mary Chamberlain, è stato definito il fenomeno letterario del 2015, edito in lingua originale da Random House, arriva nelle librerie italiane  grazie a Garzanti, nel gennaio del 2016.

Cominciamo con ordine, e perciò partiamo dalla trama:

Londra, 1939. Ada Vaughan non ha ancora compiuto diciotto anni quando capisce che basta un sogno per disegnare il proprio destino. E il suo è quello di diventare una sarta famosa, aprire una casa di moda, realizzare abiti per le donne più eleganti della sua città. Ha da poco cominciato a lavorare presso una sartoria in Dover Street, e la vita sembra sorriderle. Un viaggio imprevisto a Parigi le fa toccare con mano i confini del suo sogno: stoffe preziose, tagli raffinati, ricami dorati. Ma la guerra allunga la sua ombra senza pietà. Ada è intrappolata in Francia, senza la possibilità di ritornare a casa. Senza soldi, senza un rifugio, Ada non ha colpe, se non quella di trovarsi nel posto sbagliato. Ma i soldati nazisti non si fermano davanti a niente. Viene deportata nel campo di concentramento di Dachau. Lì, dove il freddo si insinua senza scampo fino in fondo alle ossa, circondata da occhi vuoti per la fame e la disperazione, Ada si aggrappa all’unica cosa che le rimane, il suo sogno. L’unica cosa che la tiene in vita. La sua abilità con ago e filo le permette di lavorare per la moglie del comandante del campo. Gli abiti prodotti da Ada nei lunghi anni di prigionia sono sempre più ricercati, nonostante le ristrettezze belliche. La sua fama travalica le mura di Dachau e arriva fino alle più alte gerarchie naziste. Le viene commissionato un abito che dovrà essere il più bello della sua carriera. Un vestito da sera nero, con una rosa rossa. Ma Ada non sa che quello che le sue mani stanno creando non è un abito qualsiasi. Sarà l’abito da sposa di Eva Braun, l’amante del Führer… 

Mi soffermerò poco sulla storia, se non per confermare quanto detto dalla stampa internazionale, si narra dell’amore, della guerra e della speranza in un modo tutto diverso e indimenticabile. Sicuramente non passerà inosservato l’aspetto dedicato ai sogni e al desiderio instancabile di raggiungerli, sono loro che spesso ci mantengono in vita.

Non avevo mai letto nulla riguardante la seconda guerra mondiale e, in generale, mi sono sempre ben guardata dal farlo. Sono una persona molto sensibile a certi argomenti e a volte, per proteggermi, ho voluto allontanare da me alcuni discorsi. Ho visitato musei e visto film sul tema, ma tutti molto distanti, temporalmente parlando, l’uno dall’altro ma mai avevo letto qualcosa su quest’epoca storica. Leggere un libro è diverso:  le immagini si auto costruiscono nella mente e rimangono lì, impresse, sei tu il loro creatore e tu che le rendi reali, vivide, incancellabili.

Leggere un libro, con questa consapevolezza, è diverso!

Ada Vaughan è una protagonista particolare, per la quale non si simpatizza subito, anzi. All’inizio la trovavo infantile, viziata e ingenua ma poi il suo vissuto l’ha cambiata al punto che non amarla è stato impossibile. Come già vi accennavo nel Le mie cene con Edward, di norma tendo a immedesimarmi nei personaggi dei libri che leggo, tendo a capirne il linguaggio, le aspirazioni, le gioie ma anche le paure e i dolori, con Ada non è stato così e solo alla fine ne ho colto il motivo: io, non volevo immedesimarmi nella protagonista e soprattutto nel suo dolore.

Questo libro mi ha portato a riflettere molto sulla mia vita, sulla morte e sulla guerra. Durante la seconda guerra mondiale molte coscienze si sono lavate con la frase “io non ne sapevo niente” (come se non ci fossero state le leggi razziali a presagire il disastro) ma oggi, con i social, le breaking news, le foto e i video: quanto possiamo tirarci indietro e dire “io non lo sapevo”? Non voglio fare la morale a nessuno, ma è un libro che senza dubbio mi ha messo in discussione rispetto ai tanti fatti che ogni giorno mi limito ad osservare con cinico distacco.

Lo so, pensavate che sarebbe stata una recensione leggera, e invece… ma ogni tanto un po’ di sana autocritica è utile.

È un libro che consiglio a tutti, niente da aggiungere.

Alla prossima, Miriam

e-solo-una-storia-damore_8073_x1000

Titolo : È solo una storia d’amore

Autore: Anna Premoli

Editore: Newton Compton

Pagine: 314

Prezzo: € 9,90 Rilegato – € 4,99 Ebook

 

È solo una storia d’amore è un libro di Anna Premoli edito da Newton Compton, pubblicato nel novembre del 2016.

La storia è incentrata su due personaggi Aidan Tyler e Laurel Miller, entrambi scrittori. Lui, con un unico romanzo a suo nome, è vincitore del premio Pulitzer, gloria e condanna a suo dire poiché da allora non ha più scritto nulla. Lei, conosciuta sotto pseudonimo, è una scrittrice di successo, stanca di essere relegata nella categoria rosa

Ad essere sincera ho acquistato il libro della Premoli grazie ad una promozione sugli Ebook Newton Compton, mi comporto così quando non sono sicura che il libro in questione mi piacerà, se invece poi mi conquista lo acquisto anche cartaceo così da averlo sempre disponibile e, spoiler, ho ordinato una copia!

Sono la classica tipa romantica ma non troppo, poco sognatrice e  un po’ più realista, ho sviluppato una strana avversione per tutte quelle storie dove sembra che tutti sappiano esattamente cosa dire, quando e quale sia il modo opportuno di farlo, come se seguissero un copione. È solo una storia d’amore è veramente solo una storia d’amore, come tante altre, dove vi è un incontro, una conoscenza, una crescita e infine l’amore, il vero punto di svolta è da attribuire alla penna di Anna Premoli. è un racconto semplice ma non banale, intuibile ma non noioso e, soprattutto, perspicace, ironico e simpatico con una protagonista veramente femminile,con le sue fissazioni , paure, fragilità ma anche con il suo amor proprio, intelligenza e voglia di farsi valere.

È un libro diverso dal solito. Lo consiglio a tutti quelli che pensano che il rosa valga poco o niente, a chi pensa che chi lo scrive o lo legge sia sensibile e fragile, a tutti quelli che credono che l’amore lo si possa incontrare persino in fila al bar.

Alla prossima, Miriam

Luna di Miele a Parigi

26-febbraio

Luna di miele a Parigi è un libro di Jojo Moyes pubblicato nel 2012 ed edito da Mondadori nel 2014.

Il libro di piccole dimensione, conta infatti nemmeno 90 pagine, narra delle vicende amorose di due coppie appena sposate e, come è facilmente deducibile dal titolo, in luna di miele a Parigi.

La prima coppia che incontriamo è quella di Sophie e Édouard Lefevre. Sophie è una ragazza di provincia che, prima del matrimonio, lavorava come commessa presso La Femme Marché. Lui un artista stimato ma senza il minimo interesse a riscuotere il giusto pagamento.

Le vicende della loro luna di miele sono ambientate durante la prima guerra mondiale.

La seconda coppia è composta, invece, da Liv Halston e suo marito David: lei una giovane donna laureata in cerca di occupazione, lui un architetto sulla buona strada per il successo, vivono lo stesso idillico periodo ma circa un secolo dopo.

La storia, per quanto prevedibile e spudoratamente romantica, colpisce nella sua estrema semplicità. La narrazione scorrevole e poco arzigogolata traccia una precisa caratterizzazione di tutti i personaggi mentre spesso, soprattutto nei romanzi rosa, questo viene lasciato al caso o alla libera interpretazione del lettore. In secondo luogo, in poco più di 80 pagine, vengono descritti tutti i gli stadi del sentimento contemplati da una normale relazione, dall’amore tenero a quello passionale, dalla naturale gelosia alla paranoia, fino ad arrivare allo sconforto, alla rabbia e poi il perdono.

Per quanto possa sembrare paradossale la luna di miele, come la descrive l’autrice, non sempre è sinonimo di un periodo d’oro, ma al tempo stesso prelude a ciò che sarà del futuro matrimoniale di ogni coppia.

Un libro leggero e dolce, per quanto prevedibile non noioso, adatto a chiunque cerchi una lettura non impegnata ma che lasci il sorriso, non eccessivamente romantica ma dall’incanto poetico, per chi vuole sognare senza staccare i piedi da terra.

A presto con il seguito La ragazza che hai lasciato,

Miriam

Il Parnaso Ambulante

15-gennaio

 

Ed eccoci ritrovati con la prima recensione del 2017. Il Parnaso Ambulante è un romanzo scritto da Christopher Morley nel 1917 e pubblicato, nella versione italiana, da Sellerio Editore nel 1992.

Il libro, che conta poco più di 100 pagine nel formato della Sellerio, narra la storia di Elena McGill. Dopo una vita dedicata al fratello e alla loro fattoria, acquista da Roger Mifflin, un venditore di strada, il “Parnaso ambulante”: un carro, contenente il più svariato genere di libri da vendere nelle campagne della Nuova Inghilterra. Ha inizio così la sua avventura.

Tre sono, a mio parere, i temi principali di questo storia: l’amore, il viaggio e l’emancipazione. Analizziamoli ordinatamente.

L’amore è un tema che fa ancora scrivere di sé. Ci sono amori romantici, poetici, tormentati, nascosti, non corrisposti ma quello descritto nel “Parnaso Ambulante” è un altro tipo d’amore di cui sarebbe meglio parlarne attraverso le parole di Roger Mifflin:

Quando si vende un libro ad una persona, non gli si vendono soltanto dodici once di carta con inchiostro e colla, gli si vende un’intera nuova vita. Amore e amicizia e umorismo e navi in mare di notte; c’è tutto il cielo e la terra in un libro, in un vero libro intendo[…]è un nuovo campo d’azione, ma per le ossa di Whitman, ne vale la pena! è questa la cosa di cui ha bisogno questo paese: più libri!

Inutile dire che per me amante, lettrice e commerciante di libri ritrovare questa frase è stato come leggere un mio pensiero espresso in maniera decisamente più eloquente.

Il viaggio è un tema molto caro agli autori americani, sottintendendo con esso non solo un viaggio fisico ma personale, di crescita e libertà. Il viaggio non fa da sfondo alla storia né è utilizzato come espediente narrativo ma è esso stesso l’essenza del racconto, dove insieme allo svolgersi dei paesaggi si svolge la riscoperta personale di Elena. Vi ritroverete a viaggiare con lei.

L’ultimo tema da me evidenziato è l’emancipazione. Il romanzo si apre su Elena McGill, una donna di 39 anni che si autodefinisce grassa. Vive in una fattoria con il fratello, felice della sua condizione, finché questi non decide di diventare scrittore e da lì iniziano i loro problemi. Penso che più la volontà del fratello di diventare scrittore e accantonare i suoi doveri nella fattoria, quello che stizzisce Elena è la sua personale incapacità di trovare un posto nel mondo e di vivere veramente secondo i suoi desideri. Dopo una vita passata a rincorrere  il tipo ideale di altri è difficile porsi, in tarda età, certe domande. Sarà il Parnaso a risvegliare in Elena la forza e la volontà di riprendere in mano la sua esistenza.

Un libro che personalmente terrò nel cuore per svariati motivi. In Elena ho rivisto la me di due anni fa, nonostante la differenza di età molto spesso, in passato, mi sono posta le sue stesse domande, sono stati i libri ad aver risposto per me.

Consigliato vivamente a tutti: ai lettori appassionati, agli innamorati, a coloro che viaggiano, a quelli che parlano solo di libri, a quelli che si sentono troppo giovani per certe cose e a quelli che si sentono troppo vecchi, a  quelli che di questa passione ne hanno fatto un lavoro, a coloro che, come Roger ed Elena, fanno circolare, a modo loro, buoni libri!

A presto, Miriam