I Kill Giants

51tj0kam-IL._SX319_BO1,204,203,200_

TITOLO: I kill giants

AUTORE: Joe Kelly

DISEGNATORE: Jim Ken Niimura

EDITORE: Bao Publishing

ANNO: 2010

 

 

I kill giants è un fumetto scritto da Joe Kelly  e disegnato da Jim Ken Niimura edito da BAO publishing nel 2010. Nel 2011 vince il Gran Guinigi a Lucca Comics & Games come Miglior Sceneggiatura.

Il mio approccio a questo fumetto è stato molto particolare: il marito, regalandolo ad un suo caro amico, mi aveva accennato alla bella storia di questa graphic novel, e di come lui lo avesse già letto ma non lo avesse nella sua collezione Bao; così, approfittando del suo compleanno, gliel’ho regalato. Ovviamente, era contentissimo ma prima di prenderlo ha voluto che lo leggessi io assicurandomi che mi sarebbe piaciuto; ora, io e Gaetano è raro che ci scambiamo libri, in parte perché lui legge molto poco, in parte perché i nostri gusti sono totalmente diversi, aggiugiamoci anche che la copertina non mi attirava, il titolo mi ricordava un fantasy, e sappiamo tutti del mio rapporto conflittuale con il fantasy;  insomma, ero un po’ riluttante a leggere questa storia, ma Gaetano era così insistente che alla fine ho ceduto… per fortuna!

Di questo fumetto ne  avevo già parlato qui – 5 Libri da Regalare a Natale – ma è un racconto così ben scritto che bisognava scriverne a parte.

Barbara, protagonista di questa graphic novel, fa la quinta elementare, ama il fantasy e i giochi di ruolo, non ha molti amici e ha un segreto. È la custode del martello incantato Coveleski, il distruttore di giganti, ma la vita di Barbara tra problemi familiari e scolastici la portano a distrarsi dalla sua missione finché… leggetelo!

Come sempre vorrei prima parlare della storia e poi dei disegni.16 I kill Giant

Se cercate una storia dolce, commovente e soprattutto dal finale inaspettato allora I kill giants è la graphic novel adatta a voi. Joe Kelly aggiunge, ad un racconto così reale un pizzico di fantasy, e rende questo fumetto un piccolo gioiello. Io, personalmente, dal riso sono passata al pianto a singhiozzi con la stessa velocità con cui metto mi piace a tutte le foto di @tegamini (se non sapete chi è, molto male!). La storia di Barbara è la stessa di tutte quelle persone che combattono contro eventi inspiegabili e straordinari, ma che ne escono vincitrici perché, nonostante tutto, riescono a trovare la gioia, nel tempo che hanno ancora a disposizione. 

I kill giants è disegnato dal talento nippo- spagnolo Jim Ken Niimura. Non sono una critica d’arte, né tanto meno una studiosa, e so di essere del tutto nuova a questo tipo di letteratura, ed è forse per questo che ho trovato lo stile di Niimura un po’ difficile. Sia chiaro, con questo termine non voglio denigrare l’artista, né dire che non abbia uno stile comprensibile ma che io personalmente ogni tavola dovevo rileggerla due volte per capire la storia attraverso i disegni; ciò non ha tolto nulla alla bellezza del racconto anzi, se volete, lo ha reso più bello perché mi ha permesso di gustarmelo di più!

FILM

Per la serie a volte ritornano, ci ritroviamo con la rubrica più scostante dell’anno Book & Film.

Nel 2017  con la regia di Anders Walter, I kill giants viene riproposto sul grande schermo!

Devo essere sincera, ero rimasta talmente scossa dal fumetto che ci ho messo un po’ per ritrovare le forze e ri-immergermi nella storia di Barbara. Alla fine ce l’ho fatta, perciò eccomi qua!

I Kill Giants - film scene 4 hammer

A dispetto dei pareri discordanti e il cast composto principalmente da sconosciuti ho trovato il film un prodotto ben riuscito. A mio parere, nonostante la difficoltà di riprodurre un fumetto breve in un film, il regista ha saputo mantenere intatto tutto l’apparato fantastico e drammatico della storia.

Graphic Novel e Film sono assolutamente consigliati se cercate una storia diversa dal solito, che non lascia indifferente e che in un modo o nell’altro vi cambia.

Alla prossima, Miriam

Preferiti del Mese: Ottobre 2018

Con molta poca professionalità riparto con questa rubrica: I Preferiti del Mese. Ci eravamo lasciati con il mese di Giugno e ci ritroviamo a parlare di Ottobre – come vola il tempo quando ci si diverte!

Le categorie sono le stesse della scorsa volta, perciò bando alle ciance e iniziamo.

LETTURE

femmina-light-672x1024

La lettura che più di tutte ha segnato questo mese è sicuramente La figlia femmina di Anna Giurickovic Dato – cliccando sul titolo trovate la recensione completa. Un libro drammatico, crudo che nonostante l’abbia terminato ad inizio del mese scorso continua a colpirmi e a farmi riflettere: entra in questa categoria di diritto.

 

 

FILM

How-to-Get-Away-With-Murder-5Se a giugno vi avevo parlato di un film questo mese voglio parlare di una serie tv: How to get away with murder – Le regole del delitto perfetto.

Forse ero rimasta la sola a non averla ancora vista, sta di fatto che non avevo il coraggio, o meglio, la voglia di iniziarla perché non me l’aspettavo così: incalzante, piena di colpi di scena soprattutto mai scontata. Sono solo alla prima stagione, inaspettatamente coinvolgente, e non posso assicurarvi nulla sulle stagioni avvenire ma avrete presto mie notizie. Se siete amanti dei gialli, degli intrighi e dei casi impossibili questa è la serie giusta per voi!

COSA HO IMPARATO

Ottobre è stato un mese all’insegna del sacrificio. Ho cominciato un nuovo lavoro e riorganizzare le proprie giornate non è mai facile, è un sacrificio per tutta la famiglia, e tutti ne risentono volenti o nolenti. Ma nonostante tutto ho compreso meglio un lato del mio carattere: la determinazione. La determinazione, come l’ho appresa questo mese, non è la semplice voglia di portare a termine qualcosa di iniziato ma il desiderio di costruirsi il proprio meglio giorno per giorno, non dando per scontate le piccole vittorie.  Non sempre è facile e io ci sto ancora lavorando, ma faccio piccoli passi volta per volta!

MOMENTI

tp0004c_Double_Gate_Cover_onlyOttobre ha solo un evento particolare ed ogni anno è sempre lo stesso: il compleanno di Gaetano! Questo è stato il suo primo compleanno da sposato e purtroppo non ho potuto festeggiarlo come avrei voluto, ma ho comunque provato a rendere questa giornata perfetta per lui!

Così dopo il lavoro abbiamo preparato la pizza e abbiamo visto uno dei suoi film preferiti: Babadook, in teoria doveva essere un film horror, ma io ho pianto dall’inizio alla fine.

Per molti di voi risulterà un ricordo banale ma per me e Gaetano che pur lavorando nella stessa casa passiamo pochissimo tempo insieme – sembra impossibile ma lo è – ritrovarsi un sera e dedicarla esclusivamente a noi, è stato un ricordo e momento piacevole per entrambi.

BEAUTY  E VESTITI

I520x490-giubbotto-effetto-pelle-volant-nero-stradivarius-neri-pellePer quanto riguarda questa categoria ho ben poco da dire in questo mese, perciò opterò per l’unico capo che mi viene in mente e che mi ha salvato nel triste passaggio dalla mia amata estate al freddo autunno: il giacchetto di pelle.

Il mio, in particolare, l’ho comprato un anno fa da Oviesse al prezzo di 49,90. Desideravo da tempo un giacchetto di pelle e credo di aver fatto un ottimo acquisto, lo adoro e lo indosso con tutto!

 – questo in foto, che è del tutto uguale al mio, è in realtà di Stradivarius –

RANDOM

POST CASTAGNEPer questa categoria come non citare il must della stagione autunnale: le castagne!

Per la prima volta nella mia vita, abitando in un paese dove le castagne si trovano per strada, non ho dovuto spendere un patrimonio per assaggiarle ma me le sono proprio godute. Ho già deciso che per il prossimo anno mi attrezzerò meglio e creerò delle vere e proprie battute di caccia, tutte le castagne del paese saranno mie!

 

E così finiamo, spero di riuscire a mantenere una maggiore continuità con questa rubrica, e se così non dovesse essere perdonatemi!

Alla prossima, spero,

Miriam