Fiabe Islandesi

20160928145849_269_coverweb

TITOLO: Fiabe Islandesi

AUTORE: AA.VV.

EDITORE: Iperborea

ANNO: 2016

 

 

 

Fiabe Islandesi, edito da Iperborea nel 2016, tradotto da Silvia Cosmini, è la prima raccolta in Italia che rende accessibile materiale islandese prettamente fiabistico.

Questo libro ha segnato il mio primo approccio a due macro generi: la raccolta di fiabe e la letteratura islandese,che dire? Gioie e dolori.

Ho scoperto che mi piacciono le raccolte di fiabe, generalizzando di racconti: si leggono velocemente, non perdi il filo del discorso, si possono leggere ovunque e in qualsiasi momento, anche quando si ha poco tempo a disposizione (scusate se è poco!).

3 giugnoIl vero problema si pone nell’approccio alla letteratura islandese, soprattutto quando ho scoperto che la mia ignoranza mi impediva di comprendere appieno il significato di queste storie. Il folklore islandese fa riferimento al popolo nascosto, alla magia, a re e regine, a troll, a vendette e premi speciali in un modo del tutto diverso rispetto alla nostra tradizione. Alcune storie sono più intuibili, mi ha colpito la versione islandese della fiaba di Biancaneve intitolata qui “Vilfridur più bella di Vala”, ma di altre ne ho compreso a mala pena l’uso del linguaggio a volte così crudo e violento.

Una cosa è certa questo libro non mi ha lasciata indifferente. Due, in particolare, sono gli aspetti che ho intenzione di recuperare: voglio leggere altri autori islandesi, capirne di più di questo popolo e della sua cultura; il secondo aspetto, certamente più ludico, riguarda il mio prossimo viaggio, ovviamente, in Islanda.

So di non aver dato una spiegazione esaustiva del libro e spero che perdonerete la mia misera recensione ma che, invece, apprezzerete il desiderio di scoprire e soprattutto spero di avervi trasmesso un po’ di curiosità, non lasciatevi sfuggire questo libro!

A presto, Miriam